Weekend at sea – Fine settimana al mare

Weekend at sea – Fine settimana al mare

Weather will change during this weekend. The sky will be covered but the sea conditions will be good

During this weekend, Italy will be crossed by a perturbation coming from the Balearics. Navimeteo charts show the possibility of precipitation from tomorrow, Saturday, especially on the central and northern regions, moving towards the Adriatic on Sunday. Tomorrow the ventilation will be mostly moderate from South on the Tyrrhenean Sea and “Riviera di Levante”, and from North on the “Riviera di Ponente”. Therefore the Ligurian Sea and the Tyrrhenian Sea will be slight, other seas smooth or calm. On Sunday the situation of wind and sea will turn to a gradual and general improvement. Medium to long term charts show some very positive scenarios for the next week with a return of stability and a significant increase in temperature.

The Mediterranean Sea, as known, can be considered similar as a big lake. Surface currents are weak and the summer season is consequently subject to a strong heating due to solar radiation.

The month of July was marked largely by anticyclonic conditions with a series of intense and prolonged heat waves that heated the atmosphere and the sea surface.We managed to reach unusual temperature values, compared to the period average, in some cases with a difference up to 3­4 degrees. This happened as we had a lot of long sunny days and a total lack of strong wind.

Earlier this week, on the Ligurian Sea, a South westerly gale created coastal rough sea on the Levante Riviera. The water at greater depths, notoriously more cold as not directly heated by the sun, is mixed with the more superficial hot water. This has taken to a slight temperature decrease but an increase of the hot water stratus. In short, the sea has warmed up also at certain depths. This factor has practical implications especially on fishing activities: the behavior of many species of fish also depends on the sea temperature variation.

____________

Perturbazione in arrivo nel fine settimana. Il cielo si copre ma il mare resta navigabile

Nel prossimo fine settimana l’Italia verrà attraversata da una perturbazione proveniente dalle Baleari. Le mappe Navimeteo mostrano la possibilità di precipitazioni già a partire dalla giornata di domani, sabato, soprattutto sulle regioni centro-settentrionali, in spostamento sulle regioni adriatiche domenica. La ventilazione domani sarà prevalentemente moderata da Sud sul Mar Tirreno e sulla Rivera di Levante, e da Nord sulla Riviera di Ponente. Pertanto il Mar Ligure e il Mar Tirreno saranno mossi, poco mossi gli altri mari. Domenica la situazione di vento e mare volgerà ad un graduale e generale miglioramento. Le mappe a medio-lungo termine mostrano, inoltre, scenari molto positivi per quanto riguarda la prossima settimana, con un ritorno alla stabilità ed un sensibile aumento delle temperature.

Il Mar Mediterraneo, come è noto, può benissimo essere considerato alla stregua di un mare chiuso. Le correnti superficiali sono deboli e durante la stagione estiva è soggetto, quindi, ad un forte riscaldamento, dovuto all’irraggiamento solare.

Il mese di Luglio è stato contraddistinto in larga parte da condizioni anticicloniche. In questo mese si sono succedute intense e prolungate ondate di calore che hanno riscaldato l’atmosfera e anche la superficie del mare. Si sono raggiunti, infatti, valori di temperatura ben superiori rispetto alla media del periodo, in alcuni casi anche di 3-4 gradi. Ciò è stato possibile sia grazie alle lunghe e numerose giornate soleggiate, che alla quasi totale mancanza di vento forte.

Ad inizio settimana, però, sul Mar Ligure si è verificata una burrasca di Libeccio con conseguente mareggiata su tutta la Riviera di Levante. L’acqua a profondità maggiori, notoriamente più fredda perchè non direttamente scaldata dal Sole, si è mescolata maggiormente con quella superficiale, più calda. Questo ha permesso da una parte un raffreddamento di qualche grado delle acque superficiali, ma dall’altra ha determinato un aumento dello strato di acqua più caldo. In poche parole, il mare si è scaldato anche per diversi metri in profondità. Questo fattore ha dei risvolti pratici soprattutto sulle attività di pesca: il comportamento di molte specie di pesci dipende anche dal variare della temperatura del mare.

 

 

Share this post

Leave a Reply

Your e-mail address will not be published. Required fields are marked *